Il macchinista del treno deve essere pagato come macchinista, cioè 12 euro l’ora. Non importa che sia alla guida del locomotore sui binari o che prepari la macchina per il viaggio. È lo stesso che sposti il locomotore dal deposito alla stazione o che rimanga disponibile in stazione aspettando che il treno si rimetta in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Qui siamo tra donne”, anche col fango della guerra

prev
Articolo Successivo

Torino, Appendino comincia la battaglia su piazza San Carlo

next