Col piffero la so suonare quasi tutta ed è la mia preferita… la la sol fa fa fa sol la si do do… la sigla dell’Almanacco del giorno dopo. Alle otto meno un quarto, mentre mamma apparecchia per la cena, cascasse il mondo, noi si guarda l’Almanacco. Sul famosissimo suono del flauto scorrono i mesi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dall’exilium dell’antica Roma ai fatti di Riace

prev
Articolo Successivo

La testatina

next