» Cronaca
venerdì 19/10/2018

Lodi, la battaglia contro le discriminazioni è donna: la libraia sfida la sindaca

La protagonista - Michela Sfondrini guida, con il Coordinamento Uguali Doveri, la protesta contro il regolamento scandalo del Comune sulle mense

La sua piccola libreria, “indipendente e resistente”, come ama definirla, è in centro, a pochi metri dal Comune, in piazza Broletto a Lodi, diventata famosa per il presidio delle mamme straniere contro la sindaca leghista Sara Casanova e il suo regolamento che, di fatto, esclude i bambini stranieri da mensa e scuolabus. E lei, Michela Sfondrini, 48 anni, libraia per passione, di questa protesta è stata voce e volto: tra le fondatrici del Coordinamento Uguali Doveri con cui ha lanciato l’iniziativa “Colmiamo la differenza” (più di 145.000 euro raccolti per le rette). Martedì scorso, davanti al Comune, per 12 ore ha tenuto il microfono in mano ripetendo senza mai stancarsi che “quel regolamento è iniquo” e che “se la sindaca non ritira il provvedimento, la mobilitazione non si ferma”.

Lei ha conosciuto la sindaca tra i banchi dell’opposizione nel vecchio consiglio? La libraia di sinistra versus la parrucchiera leghista.

Non mi appartiene questa logica dello scontro. Con la sindaca ci conosciamo da anni. È una persona che ha serie difficoltà a verbalizzare il suo pensiero, va subito nel panico. Forse anche per questo si è ammutolita. Mi spiace moltissimo per le minacce che ha ricevuto sui social. Io ci tengo però a distinguere tra quello che uno è e quello che uno fa. E lei è il sindaco di Lodi, e lo è anche di quelle mamme che chiedono, assieme a noi del Coordinamento, di essere ricevute. Abbiamo suonato sei volte alle porte del Comune. Nessuno ci ha ricevuto.

Cosa chiedete?

Il regolamento deve essere subito ritirato, o radicalmente modificato. Quanto sta accadendo qui a Lodi è inedito: per questo si parla di ‘laboratorio Lodi’. Se un provvedimento del genere passa qui che è un capoluogo di provincia, allora può essere proposto e approvato ovunque.

Ovvero?

Stiamo scoprendo molti altri casi di regolamenti simili. Quello che emerge è che, con la scusa della burocrazia, si sta facendo passare l’idea che gli stranieri siano ‘furbetti’ e che debbano fare più fatica di noi per gli stessi diritti.

“Per le rette agevolate servono i documenti. Come li presento io, devono farlo loro. Se vogliono integrarsi, qualche sforzo dovranno pur farlo”, ha detto la sindaca.

Non stiamo parlando di ‘tariffe agevolate per i cittadini extracomunitari’, ma di tariffe proporzionate a modello Isee per tutti allo stesso modo: italiani e stranieri. Non chiediamo sconti a nessuno.

C’è stata una grandissima risposta, in termini di solidarietà alla vostra lotta.

Straordinaria. Commovente. Abbiamo sospeso la raccolta perché abbiamo raggiunto il nostro primo obiettivo: permettere a tutti i bambini esclusi di iscriversi alla mensa. E siamo contentissimi. Ma per noi la solidarietà è solo uno strumento con cui cerchiamo di risolvere un problema. La società civile non può sostituirsi alle istituzioni.

Dunque la “società civile” data per defunta è invece viva e lotta insieme a noi?

Per me non c’è differenza tra società civili e partiti, e i partiti, che ci piaccia o meno, esistono ancora. Qui a Lodi c’è una saldatura tra molti consiglieri comunali e il Coordinamento. Senza di loro non avremmo avuto accesso a tante informazioni. Io da lodigiana la prima volta che avevo sentito il termine ‘furbetto’ era associato ai ‘furbetti del quartierino’. Ora il ‘furbetto’ è lo straniero: le famiglie degli stranieri, con tanto di bambini al seguito. Lodi è spaccata, così come l’Italia. Solidale da una parte, rancorosa dall’altra. E diciamocelo chiaramente: è più spaccata a sfavore delle persone che credono che dall’incontro si possa più prendere che perdere.

Il motto della sua libreria, fondata 19 anni fa con una sua compagna di collegio universitario, è: “Luogo dello scambio, delle chiacchiere, della condivisione di una grande passione che ci avvicina senza legarci”.

Come tutte le piccole librerie in un Paese che non investe in cultura e che spreca così tanto in marketing e festival, facciamo molta fatica. Ma ringrazio ogni giorno per il mio lavoro. La nostra libreria rende migliore la vita di chi ci passa dentro. Attraverso il libro, la scrittura, i mondi possibili.

Lei, la sindaca, le mamme straniere, spesso considerate peraltro solo sottomesse: un mondo dove le donne sono protagoniste.

Le mamme straniere sono le vere protagoniste. Noi le accompagniamo, le sosteniamo. Ma è da loro che si è sviluppata la forza della protesta.

Qual è il libro che consiglierebbe oggi?

Sembrerà scontato, ma io lo rileggo ogni tre anni. Il buio oltre la siepe di Harper Lee.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
La ballerina Mendes

Uccise il compagno: per i giudici fu legittima difesa

È stata assolta per legittima difesa Alessia Mendes, la ballerina 40enne di origini brasiliane che nel giugno del 2017 uccise il compagno Alessio Rossi a coltellate. I giudici di primo grado hanno riconosciuto la scriminante basandosi sulle varie denunce sporte dalla donna a carico di Rossi per la frequenza e la violenza dei maltrattamenti subiti, e sulle testimonianze dei vicini. Decisiva si sarebbe rivelata, inoltre, una consulenza tecnica sulle macchie di sangue chiesta dal legale della Mendes, che ha dimostrato la veridicità della sequenza descritta dalla ballerina. Il 22 giugno 2017 la donna, subito dopo il fatto, aveva minacciato di gettarsi nel vuoto, per poi confessare l’accaduto. Da allora la Mendes, che alla lettura della sentenza è scoppiata in lacrime, è sempre rimasta in carcere. Ora il tribunale ne ha disposto l’immediata scarcerazione. “Ci speravamo – ha dichiarato il suo avvocato Rachele De Stefanis – ma sino all’ultimo non sapevamo cosa aspettarci. Ci siamo commosse, è un verdetto che mette la parola fina a una vicenda molto dolorosa e che fa giustizia. La priorità per Alessia, adesso, è lasciarsi tutto alle spalle”.

Cronaca

Militari in Libano, no alla liberatoria

Mondo

La “fabbrica del potere” francese coi conti in rosso

Scontri Inter-Napoli: arrestato Ciccarelli, leader dei “Viking”
Cronaca
Milano - In cella anche un capo ultrà Varese

Scontri Inter-Napoli: arrestato Ciccarelli, leader dei “Viking”

Asse Lega-5Stelle: “Le scritte in arabo dagli ospedali cittadini vanno rimosse”
Cronaca
Imola - A favore i gialloverdi, il Pd si astiene

Asse Lega-5Stelle: “Le scritte in arabo dagli ospedali cittadini vanno rimosse”

La banda della morte in ospedale. Affari in corsia divisi a metà tra furti e oltraggi alle salme
Cronaca
Bologna - Operazione “Mondo sepolto”

La banda della morte in ospedale. Affari in corsia divisi a metà tra furti e oltraggi alle salme

di
“Riaprite le indagini. Ecco le nuove prove”
Cronaca
L’intervista

“Riaprite le indagini. Ecco le nuove prove”

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×