La percezione critica della realtà, di quello cioè che viviamo storicamente nel presente, è qualità rarissima. E solitamente non appartiene alle masse. Così quando l’Armata Rossa di Stalin libera Berlino dalle bestia nazista, nella primavera del 1945, l’ex commissario Richard Oppenheimer, rimosso perché ebreo, affronta con la sua amica nobile e anti-hitleriana, Hilde von Strachwitz, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Anne, che insegnò alle donne ad amarsi

prev
Articolo Successivo

Il volto umano. Tutto secondo Andy Warhol

next