Anne si sentiva incapace di tutto. Era una donna irrequieta e clinicamente depressa, soffriva di disturbo bipolare, catapultata nella vita domestica con il dovere di accudire le proprie figlie. Senza peraltro riuscirvi. Si era sempre sentita “chiusa nella stanza sbagliata” finché arrivò la scrittura a liberarla. A soli 39 anni la sua stella era già […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Incontro di Nobel dalla prima (donna) all’ultimo: a Nuoro Deledda con Fo

prev
Articolo Successivo

I russi arrivano a Berlino: l’ultima inchiesta per l’ebreo Oppenheimer

next