Era il 2011 quando Guido Crosetto disse in tv l’indicibile: “Sapete chi comanda nei ministeri? Chi credete che scriva le finanziarie di Tremonti?”. Le risposte erano: i burocrati e Vincenzo Fortunato, che all’epoca era capo di gabinetto al Tesoro, ruolo oggi appannaggio di Roberto Garofoli, magistrato del Consiglio di Stato assai caro, per così dire, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Scrivo aforismi sui social network. Ma sempre senza offendere nessuno”

prev
Articolo Successivo

Cattiveria

next