“Due anni, solo due anni, neanche se fosse stato ammazzato un cane”, il primo commento in aula di familiari e amici di Davide Bifolco, il ragazzo di 17 anni del rione Traiano di Napoli ucciso per errore il 5 settembre 2014 da un carabiniere, al termine di un inseguimento di tre ragazzini senza casco, a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Lo dico da papà”, Salvini e i bambini esclusi di Lodi

prev
Articolo Successivo

Casamonica, show in aula. E la vittima: “Ho paura, hanno il mio indirizzo”

next