Paura e coraggio. Sono i due stati d’animo, contrapposti ma complementari, che hanno dominato la scena nell’udienza di ieri del processo che vede imputato Antonio Casamonica, uno dei tre giovani appartenenti al clan sinti che il giorno di Pasqua hanno distrutto il Roxy Bar nel quartiere La Romanina di Roma e picchiato brutalmente il titolare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Davide ucciso “per errore”. Solo due anni al carabiniere

prev
Articolo Successivo

“Truffa Alitalia, i riposi dei piloti pagati dalla cassa integrazione”

next