Forse il rock può salvare l’Ucraina e le rime possono fermare la guerra. Forse, pensano i ragazzi di Kiev, può salvare il Paese il cantante Sviatoslav Vakarchuk e l’“Oceano di Elza”, Okean Elzy, il suo gruppo musicale. Se scrivi il nome del cantautore in Internet in cirillico, il primo suggerimento del server slavo da qualche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Razzismo della busta paga: il colore della pelle costa caro

prev
Articolo Successivo

Ok con riserva a Kavanaugh, i senatori chiedono indagine dell’Fbi sugli “stupri”

next