Mentre il destino del candidato alla Corte Suprema americana Brett Kavanaugh resta sospeso, la linea americana di aiuto alle vittime di aggressioni sessuali National Sexual Assault Hotline ha registrato un picco di richieste d’aiuto, a seguito della drammatica testimonianza al Senato della docente universitaria Christine Blasey Ford, che ha accusato il giudice scelto da Trump […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il rocker di Maidan, onda della nuova Ucraina

prev
Articolo Successivo

Tutte le note di Morricone, un concerto lungo 90 anni

next