A parte l’inadempimento degli obblighi manutentivo-conservativi dell’opera, “la responsabilità contingente più rilevante consiste nel fatto che, nonostante tutte le criticità sopra evidenziate, la Società Concessionaria Aspi non si sia avvalsa, nel concreto, dei poteri limitativi e/o interdittivi regolatori del traffico sul viadotto di cui al combinato disposto dell’art. 6 comma 4 lett. a) e del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il decreto (forse) al Quirinale con la revoca anti-Benetton

prev
Articolo Successivo

Tutti in fila per il processo, ma non Toninelli

next