Alle cinque della sera, come García Lorca, il Tesoro diffonde la sua nota informale in cui dice, in sostanza, che il decreto per Genova arrivato al ministero “è giunto agli uffici in una versione molto incompleta” e per questo non viene ancora “bollinato” e inviato al Quirinale nonostante sia stato approvato il 13 settembre, quasi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Per far salire i profitti solo 23 mila euro l’anno sulla struttura”

prev
Articolo Successivo

L’altra contestazione: “Il traffico andava fermato”

next