Penetrando nel caldo-umido della foresta equatoriale e muovendosi lungo i sentieri fangosi o lavici ai pendii delle montagne e dei vulcani del Congo orientale, da ormai quasi quattro lustri ci si può imbattere nei drappelli dei caschi blu che dovrebbero difendere i congolesi dai loro signori della guerra che devastano i luoghi e le esistenze […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La solitudine dell’emerito Ratzinger, che sconfessa i suoi fedelissimi

prev
Articolo Successivo

Quanti guai: Trump così lascia a secco gli aiuti a Ramallah

next