Avere conosciuto Inge Feltrinelli, esserle amico per una vita, lasciatemi dire, è stata una grande fortuna. L’incontro è avvenuto molto presto ed è durato sempre. Presto vuol dire stessa età, dunque molto giovani, in una Milano non ancora nata, ma in cui Feltrinelli sarebbe stato uno dei protagonisti più grandi, poi dei più creativi, poi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Leggi razziali, per le scuse non è mai troppo tardi

prev
Articolo Successivo

Il ricordo degli amici

next