“Ci vedevamo a casa di John e invece di ubriacarci e fare festa ci mettevamo seduti, spegnevamo le luci, uno di noi cominciava a masturbarsi e gli altri lo seguivano”. Sir Paul McCartney, impegnato nella promozione del suo ultimo lavoro – Egypt Station, frammentario concept autobiografico – rivela, in una lunga intervista a GQ, dettagli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Addio a Scimone, il musicista che non scese a patti con la “tribù”

prev
Articolo Successivo

Il cibo “spazzatura” rende grassi e obesi gli abitanti più poveri del Pacifico

next