Due minuti prima di salire sul palco: “Come sto?”. In che senso? “Sono vestito troppo scuro?”. No, stai bene. “E quanta gente c’è in platea?” Circa 1.800 persone. “Cooosa?” Ti aspettano 1.800 persone. “Incredibile”. Sei Carlo Verdone, il Lucio Battisti del cinema. “Non mi rendo conto. Mi stupisco di tutto questo affetto”. Non è falsa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I Ferragnez sposi, tripudio a Noto (e su Instagram)

prev
Articolo Successivo

“Suspiria”, più che horror è uno splatter danzante

next