Bandi truccati, controlli “anticipati” al telefono, centri di accoglienza sovraffollati fino al collasso, mentre un fiume di milioni riempiva le casse della cooperativa. Un’inchiesta a Padova ricostruisce il vero business sui migranti, quello della “cooperativa pigliatutto” Ecofficina, vicina al centrodestra che in Veneto governa da 18 anni con la Lega. Il patron della coop, Simone […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Italia-Russia, ancora no all’estradizione

prev
Articolo Successivo

Tripoli, battaglia in periferia. Orrore nei lager dei migranti

next