“In Russia sono un uomo morto”, aveva detto davanti alla Corte d’Appello di Milano. E i giudici hanno accolto la sua richiesta di non essere estradato nel Paese d’origine. V.K., architetto di 48 anni, potrà così rimanere in Italia in attesa che venga valutata la richiesta di asilo politico inoltrata nel frattempo. L’architetto era stato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Tutti con Patronaggio, ma Woodcock restò solo

prev
Articolo Successivo

“Accoglienza targata Ncd, favori alla coop e bandi truccati”

next