Oggi fanno due anni. Due anni da quando, con una scossa violentissima, iniziò lo sciame sismico ancora in corso che tra l’agosto del 2016 e il gennaio 2017 ha devastato pezzi di Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo, ucciso oltre 300 persone lasciandone oltre 60mila senza casa. Oggi fanno due anni e l’Ufficio valutazione impatto del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Tutti pazzi per NoLo, la periferia (chic) di Milano si riscatta

prev
Articolo Successivo

Gli assassini con il distintivo: il racket della banda dei Servizi

next