“Sono l’ultimo operaio ad aver lasciato il ponte. Abbiamo passato l’ultima notte proprio lì, dove ci sarebbe stato il crollo. Quando il Morandi era già appeso a un filo e bastava uno scossone per farlo crollare. Non mi ci faccia pensare, sarebbe bastato uno scrollone, un carico pesante e invece di parlare con lei adesso…”, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Un altro pezzo di ponte sta crollando”. Toti pressa la concessionaria dell’A10

prev
Articolo Successivo

Processi in mezza Italia ad Autostrade e Anas per i morti sotto i ponti

next