Barricate e fiamme. Il fuoco brucia pneumatici, il gas dei lacrimogeni la pelle. Poi l’acqua. Quella degli idranti della polizia contro gli almeno 50 mila manifestanti della notte di Bucarest. Sono almeno 450 i feriti del venerdì della rabbia nella capitale rumena. A piazza Vittoria uomini, donne e bambini sono tornati. Vogliono ancora la stessa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Messico, il voto populista per non farsi ammazzare – Il reportage di Alessandro Di Battista (3)

prev
Articolo Successivo

“Cuadernopoli”, scandalo da 3 miliardi di dollari

next