Da luglio la British Airways è nel mirino delle comunità gay inglesi. La compagnia area britannica, infatti, rimpatria sui propri voli i rifugiati respinti dal Regno Unito che hanno chiesto (invano) asilo a Londra per sfuggire all’omofobia di cui soffrono nel proprio Paese di origine. Diverse le iniziative per spingere la British Airways a cambiare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Missile centra uno scuolabus. È strage di bambini a Dahyan

prev
Articolo Successivo

Chi denuncia subisce un doppio abuso

next