“La commedia all’italiana ha un erede in famiglia. È Carlo Vanzina, figlio di Steno, che al suo nono film fa centro con questo “‘Italian graffiti’, astuto ma sincero”. Scriveva Morando Morandini su Telesette a metà anni Ottanta. Ed è bello rievocare il compianto critico sul compianto regista proprio a un mese esatto dalla prematura scomparsa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Quel ramo del lago è un set permanente: Como sequestrata da Boldi, De Sica e C.

prev
Articolo Successivo

Basta una app per affittare le vite degli altri

next