Dietro l’impasse che paralizza la Rai e il mezzo niet, poi in modo fortuito divenuto pieno, di Silvio Berlusconi a Marcello Foa c’è la pubblicità. O meglio, le garanzie sul mantenimento dell’attuale assetto del mercato pubblicitario che il fu Caimano, indebolito dagli anni e dai tracolli elettorali, chiede all’alleato Matteo Salvini e, tramite lui, ai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

cattiveria

prev
Articolo Successivo

Rai, la Vigilanza prova a mettere in mora il cda

next