Durante il conflitto che tra il ’92 e il ’95 causò oltre 200mila morti, Radovan Karadzic (nella foto) era il leader politico dei serbi di Bosnia. Oggi attende l’esito dell’appello per la condanna a 40 anni inflittagli ad aprile dal Tribunale penale dell’Aja per genocidio e crimini contro l’umanità. Sarebbe lui il mandante dello sterminio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Russiagate, come un Western duello finale Trump-Muller

prev
Articolo Successivo

Sugarfree, quattro amici al Festivalbar. Sono rimasti in tre

next