Il decreto Dignità ha superato la prova della Camera e ora passa al Senato per l’approvazione definitiva. Dopo l’esame di Montecitorio, il provvedimento esce modificato, in alcuni passaggi annacquato. Nonostante le diversità di vedute in maggioranza, non è servita la fiducia: necessaria, a tal fine, è stata l’attività del ministro per i Rapporti col Parlamento […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’Air Force Renzi ha volato 88 volte: ecco chi l’ha preso

prev
Articolo Successivo

Schede sparite e scelte fasulle: le mani dei Caf sul 5 per mille

next