Scelte condizionate, preferenze scomparse, milioni di euro girati ad associazioni amiche. Così, secondo la Corte dei Conti, è andata avanti per anni la gestione del 5 e dell’8 per mille da parte dei Caf, i centri di assistenza fiscale che aiutano (finanziati dallo Stato) i cittadini nella compilazione dei moduli sulle tasse, compresi quelli che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Primo sì al decreto Dignità: l’asse con la Lega lo ha annacquato

prev
Articolo Successivo

E Renzi restò con 600 euro l’anno

next