Sono passati quasi undici anni da quando a Duisburg, davanti al ristorante italiano Da Bruno, una faida interna alla ‘ndrangheta portò all’esecuzione di sei persone. Da allora molta acqua è passata sotto i ponti della città che si affaccia sul Reno e dove si trova il più grande porto fluviale d’Europa. E dove attraccano ogni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Vasvija “Madame furto” sempre incinta. L’“Adelina”della Loren ha la sua erede

prev
Articolo Successivo

Randelrapper, più pugni che rime: i clan di Booba e Kaaris se le suonano al gate

next