Question time decisamente agitato, ieri, a palazzo Madama. Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede era stato chiamato a rispondere a due interrogazioni. Una riguardava i suoi rapporti con l’avvocato Lanzalone, l’ex presidente di Acea finito nei guai nell’ambito dell’inchiesta sullo stadio della Roma. L’altra gli chiedeva conto delle motivazioni con cui ha stoppato la riforma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)