Tormenti notturni di un Ottuagenario, ritrovatosi all’improvviso nell’inedita e triste veste di numero due. Le ultime ventiquattr’ore dell’anziano Silvio Berlusconi sono state convulse e amare. In una suite dell’amato San Raffaele, la clinica meneghina che lascerà oggi dopo alcuni “esami di routine” per paziente cardiopatico come lui. Telefonate e colloqui tutti assorbiti dal boicottaggio azzurro a Marcello […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Forza Italia “archivia” Foa Salvini va alla guerra in Rai

prev
Articolo Successivo

I sogni di Maria Elena non finiscono mai. Ora pensa pure lei alla segreteria dem

next