Il movimento #MeToo, affermatosi nella scia della vicenda di Harvey Weinstein, produttore e predatore, e poi dilagato dai mondi dello spettacolo e della cultura alla politica e all’economia, continua a fare emergere soprusi e a consentire di raddrizzare torti. Ma lascia talora spazio al sospetto che denunce vecchie di decine d’anni e difficili da verificare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Piccoli migranti, centri di detenzione e orchi

prev
Articolo Successivo

Vignettista, se tocchi il capo supremo muori

next