Caro direttore, sono un giornalista Rai arrabbiato e amareggiato. Oggi come ieri. Non è che l’indignazione passi sulla base del politico di turno che mette le mani su un bene pubblico a seconda che sia più o meno vicino all’appartenenza culturale di ciascuno. Ero un giornalista indignato quando dalla Rai cacciarono Biagi, Santoro e Luttazzi. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Parte la trattativa di B. su Foa: pretende un tg

prev
Articolo Successivo

La guerra dei rifiuti in Toscana: Rossi sfida i sindaci e il Pd

next