Il 27 luglio del 1993 esplodono a Roma e a Milano le due bombe che cinque mesi dopo costringono in ginocchio lo Stato italiano. Le bombe “del dialogo”, compiono 25 anni. C’è però un fatto nuovo: la sentenza di primo grado della Corte di Assise di Palermo sulla cosiddetta Trattativa che sancisce la responsabilità, provvisoria […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Linea 4 del metrò finisce nel mirino (anche) di Colombo

prev
Articolo Successivo

“Tempesta in un bicchier d’acqua”. Ma Manu affoga

next