“Mendace” e “depistatore” per le vicende del biennio stragista, coinvolto nelle trame nere della Rosa dei Venti e collegato a Gelli e a Pecorelli negli anni della strategia della tensione: nelle 5200 pagine della sentenza con cui lo hanno condannato a 12 anni nel processo Trattativa, i giudici di Palermo demoliscono il mito investigativo del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Graviano parlò di “Berlusca”

prev
Articolo Successivo

Grillo fa 70: un genio satirico a metà tra il palco e la politica

next