Se la Libia è l’avamposto dell’Europa, il Sahel è l’avamposto della Libia. Prima ancora dello “scatolone di sabbia” – ritornato prepotentemente al centro del dibattito politico italiano ed europeo dopo la caduta di Gheddafi nel 2011 – le porte del deserto si spalancano sul ventre molle dell’Africa, ovvero la prima fascia subsahariana, terra di transito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Italia-Libia tornano amiche. Riecco i respingimenti

prev
Articolo Successivo

Toninelli: “Non abbiamo virato a destra. Riportiamo soltanto la legalità”

next