L’Africa comincia qui. Una riga scura nella roccia, a mille metri di profondità sotto le montagne di Fortezza, in Alto Adige. Alla faccia di sudtirolesi e italiani che in superficie lottano per il confine. Con buona pace dei leghisti. Sono loro gli invasori. La fresa che scava il tunnel ferroviario del Brennero ha trovato l’Africa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Italiani, ladini e sudtirolesi uniti in nome di Egger, Totti del ghiaccio

prev
Articolo Successivo

“Così capovolgo il monumento del Duce”

next