“Andrea ha iniziato a disegnare prima ancora di parlare. Le prime parole sono state ‘catta’ e ‘bia’, carta e matita, e capimmo che la cosa che preferiva fare era disegnare”. È così che ricorda suo figlio, Giuliana Di Cretico, madre del mitico Paz nel libro La femmina è meravigliosa – vita impaziente di Andrea Pazienza, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Abusi sessuali in Cile, il Papa accetta le dimissioni di 3 vescovi

prev
Articolo Successivo

Lo speciale sul nuovo numero di “Linus”: inediti e omaggi

next