Nemmeno la località protetta – che, si scoprirà, è lo studio da commercialista del grillino Stefano Buffagni – permette a Matteo Salvini e a Luigi Di Maio di trovare la quiete necessaria a siglare l’accordo. Non basta nascondersi, chiudersi a chiave: il “terzo uomo”, quello che può far cadere i veti e unire le ambizioni, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

testatina

prev
Articolo Successivo

Un premier “politico” al Colle. Oggi nuove consultazioni

next