La fatidica telefonata è arrivata alle sette e mezzo di sera. Ad attenderla Ugo Zampetti, segretario generale della presidenza della Repubblica. Una conversazione breve e secca. “Può dire al presidente che siamo pronti a riferire domani, su presidente del Consiglio, squadra dei ministri e programma. È tutto pronto”. A parlare, dall’altra parte del filo, è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il governo a metà: “Pronti su tutto”. Ma il nome non c’è

prev
Articolo Successivo

Meloni contro Mattarella: “Non ha dato incarico alle personalità non gradite”

next