Pubblichiamo il testo di Joël Dicker in cui l’autore svizzero de “La scomparsa di Stephanie Mailer”, ci invita a farci fare compagnia dai libri. Caro amico, non ti conosco personalmente ma mi permetto comunque di rivolgermi a te. Mi capita spesso di vederti mentre salgo sul bus, non lontano da casa mia. Scrivo a te, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Venantino Venantini: “Mastroianni massacrato dalle donne. Io mandai a quel paese anche Fellini”

prev
Articolo Successivo

Il percorso a ostacoli per ritrovare il silenzio. Oggi un extra di lusso

next