Nazional popolare nella sua essenza, con Milly Carlucci è difficile comprendere dove finisce la Rai e inizia lei, perché “c’è uno stile, dal quale non si può prescindere”. Così danza su parole e concetti, al colpo di tacco preferisce le punte, i toni li mantiene lievi anche se risponde del dualismo da sabato sera con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Lasciatemi urlare contro l’Italia

prev
Articolo Successivo

Libri, cinema, youtuber: la scommessa del Salone

next