La storia dei facchini di Leroy Merlin licenziati a loro insaputa comincia mesi fa, quando uno di loro riceve una telefonata dalla questura: “Lei ha dichiarato il falso. Ha detto di avere un lavoro mentre è disoccupato”. “Ma no! Ho le buste paga, l’estratto conto della banca…”, Mahmoud Zaki, 35 anni, egiziano, comincia a frugare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il Quirinale, i partiti e l’impossibile esecutivo-enigma

prev
Articolo Successivo

“I facchini di Leini hanno vinto la lotta anche grazie a voi”

next