Turchia

“Il Paese è mio e le urne le anticipo io”

Il sultano - Con la scusa del conflitto siriano Erdogan annuncia: si vota ad agosto (e non più nel 2019)

19 Aprile 2018

Dopo aver recentemente esteso per la settima volta lo stato di emergenza – tipico escamotage delle dittature per tenere sotto scacco la popolazione, vedi Egitto – il presidente turco Erdogan ha deciso di anticipare di un anno e mezzo le consultazioni. Anzichè nel novembre 2019, si terranno il 24 giugno. A un anno esatto dal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui