Adriano Olivetti sembra il protagonista di una leggenda che, mentre trascorrono i decenni, si fa più difficile da spiegare. Forse, se tutto ciò che Elena Tinacci racconta nel suo libro (Mia Memore et devota gratitudine. Carlo Scarpa e Olivetti 1956-1978, Edizioni di Comunità, 2018 ) accadesse oggi, Olivetti sarebbe incriminato per associazione a delinquere, con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Pir, è caccia al cliente da spolpare tra trappole e commissioni gravose

prev
Articolo Successivo

Cesare come Renzi. È ora di varcare il fiume Rubicone

next