Ogni aspirante leader cerca di estendere quella che considera la propria ricetta di successo: Matteo Renzi voleva essere il sindaco d’Italia, Carlo Calenda sembra voler governare prima il Pd e poi il Paese come ha fatto con il suo ministero dello Sviluppo economico, con un misto di sostegno alle imprese, resistenza alle multinazionali e, soprattutto, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Bentornato Parlamento: adesso mettetelo a lavorare

prev
Articolo Successivo

Tim, la rivincita dei vecchi boiardi: Scaroni è il regista

next