L’attacco a Tim del fondo americano Elliott si è concretizzato ieri in una lista di candidati per il consiglio di amministrazione che assomiglia molto alla rivincita dei vecchi boiardi. Su alcuni nomi della lista sono evidenti le impronte digitali dell’ex amministratore delegato dell’Eni Paolo Scaroni, regista dell’operazione. Si tratta di persone legate anche al suo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Calenda tra Landini e Xi Jinping

prev
Articolo Successivo

La sagra a luci rosse dell’assessore: “Avances per ottenere i permessi”

next