Premessa. Molti ex agenti del Kgb sono finiti nei partiti, o nelle banche. Alcuni, negli off-shore. Con base operativa proprio a Londra. Dove la comunità russa comprende di tutto: oligarchi non amati dal Cremlino e oligarchi invece allineati con Putin, le loro famiglie, oppositori riparati per timore di finire sottoterra in Russia, ma pure i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Blocco occidentale contro Mosca

prev
Articolo Successivo

Al ristorante Macrobiotico c’è la fila e niente scontrini

next