La candidatura di Stefano Parisi come governatore del Lazio per il centrodestra, dopo aver corso già nel 2016 per la stessa coalizione come sindaco di Milano, riassume bene la crisi di rinnovamento che da anni attraversa la politica romana e laziale. Perché, al di là delle liti interne al centrodestra o delle alleanze variabili nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Embraco, il Calenda show a uso di giornali e tivvù

prev
Articolo Successivo

Le molestie “umanitarie” dell’ex boss di Oxfam

next