L’ultimo strappo consumato non riguarda più soltanto l’Europa, ma anche una parte importante del mondo occidentale. Con l’approvazione definitiva in Senato della cosiddetta “legge sull’Olocausto”, Varsavia ha suscitato soprattutto le ire di Israele e la preoccupazione di un alleato chiave come gli Stati Uniti, mentre da mesi la riforma del sistema giudiziario polacco è nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Roma e il brusco risveglio libico. I migranti son tornati un incubo

prev
Articolo Successivo

“I volenterosi carnefic fai-da-te non attesero gli ordini dei nazisti”

next