Per non provocare i tedeschi, gli assassini non usavano armi da fuoco, ma oggetti a portata di mano: pali, bastoni chiodati, baionette, accette o seghe per il legname. A Wasosz utilizzano i pesi della stazione ferroviaria per spaccare le teste. La bestialità delle uccisioni deriva dalla natura stessa degli strumenti di omicidio delle tante vittime. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Tre anni a chi sostiene che Auschwitz era polacca

prev
Articolo Successivo

Brexit e la guerra dei documenti “segreti”

next